Home / La gravidanza, il parto e il tuo neonato / Ascolta il tuo corpo in gravidanza

Ascolta il tuo corpo in gravidanza

Ascolta il tuo corpo in gravidanza

Se sei in buone condizioni, puoi esercitare la stessa attività fisica che esercitavi prima che restassi incinta, fino a quando ne avrai giovamento e fino a quando il tuo medico ti darà la sua approvazione.

Durante gli esercizi, ascolta i messaggi che il tuo corpo ti invia. Se il tuo corpo sente il bisogno di rallentare, segui i suoi consigli. Guardati dalle vertigini, nausea, visione offuscata, stanchezza e mancanza di respiro. Questi possono essere i segni di colpo di calore i quali potrebbero mettere a repentaglio la tua vita e quella del tuo bambino.

Dolore toracico, dolore addominale e sanguinamento vaginale sono altri segnali di pericolo che ti dicono di rallentare: fermati e chiedi aiuto in caso di necessità. Non esercitare se hai dolore. Il dolore è il modo attraverso cui il corpo ti dice di rallentare o fermarti.

Discuti del dolore e degli altri segnali di pericolo con il tuo medico.

Oltre all’ascolto del tuo corpo, vale la pena prendere alcune misure preventive.

Lesioni e crampi muscolari, spesso possono essere evitati se si stendono i muscoli prima e dopo l’esercizio. Per evitare la disidratazione, bere liquidi durante l’esercizio, sia che si tratti di sete o no. Adottare misure per impedire il surriscaldamento del tuo corpo.

Durante la bella stagione, fare esercizi solamente nelle prime ore del mattino o in tarda serata.
Se pratichi attività fisica dentro casa, fallo in locali dotati di una buona ventilazione o con l’uso di un ventilatore.
Anche se sei in gran forma, non esercitarti fino al punto di esaurti.