Home / Pianeta genitori / Benessere e vita familiare / Bimbi e studio: come conciliarli ?

Bimbi e studio: come conciliarli ?

Bimbi e studio: come conciliarli ?

La Costituzione Italiana rivendica il diritto allo studio anche per quelle giovani mamme ancora iscritte all’università. Sapete come, dal canto loro, gli atenei italiani stanno interpretando questo concetto? Aprendo tutta una serie di asili nido interni; ma c’è un piccolo problema.

Quando ed ammesso che ci sono, nel 80% dei casi queste strutture sono definite come “aziendali” ovvero riservate ai figli dei dipendenti dell’università, dal rettore ai docenti fino a tutto il personale amministrativo ed ATA; tutti possono fruire di questo servizio tranne le mamme studenti.

Una delle poche realtà in Italia che ha invece esteso il diritto alla fruizione del nido anche ai figli delle studenti è la Bicocca di Milano, dove dal  2005 è attivo il programma che va sotto il nome di “Bambini Bicocca” e che mette a disposizione ogni anno 64 posti per bambini da 3 mesi a 3 anni con una retta pari a quella del nido comunale.

Purtroppo però quella della Bicocca di Milano è una delle pochissime iniziative in ambito universitario in cui l’offerta formativa normalmente sviluppata sotto forma di corsi di laurea, si va ad integrare con un servizio a 360 gradi che è anche “di supporto” a tutte quelle che possono essere le vicissitudini delle giovani mamme studenti.

Lì dove queste strutture e questi servizi non sono presenti, una possibile alternativa sono i corsi di laurea online (come questi ad esempio). In pratica si studia da casa, e non ci sono quindi obblighi di frequenza in aula ne tantomeno la necessità di doversi spostare ogni giorno verso e da la facoltà.

Molte mamme studenti hanno già scelto, e con successo, la via dell’università online perché permette loro di seguire le lezioni in streaming e da casa negli orari in cui sono scariche da tutti gli impegni famigliari, e richiedendo loro l’unico sforzo di recarsi in aula solo in concomitanza degli esami.

Resta salva invece la validità della laurea così conseguita, equipollente ai fini lavorativi a quella rilasciata dagli istituti tradizionali pubblici e privati.

Writer: Elena Ridolfi