Home / Pianeta genitori / Sorgente - conservazione Cellule Staminali / Falsi miti sulla conservazione del cordone ombelicale

Falsi miti sulla conservazione del cordone ombelicale

Falsi miti sulla conservazione del cordone ombelicale

Molti genitori con un bimbo in arrivo si pongono la stessa domanda: conservare le cellule staminali del cordone ombelicale oppure no? Ci sono alcuni falsi miti diffusi che contribuiscono a rendere questa scelta più difficile per mamma e papà. Facciamo il punto e rispondiamo alle domande più frequenti.

Falso mito numero 1: “Le biobanche private offrono la conservazione autologa”.
Questa affermazione confonde la tipologia di conservazione (pubblica/privata) con l’impiego terapeutico delle cellule staminali conservate (autologo/allogenico).
Per fare chiarezza: un campione di sangue del cordone ombelicale conservato privatamente può sia essere infuso a scopo terapeutico nel suo stesso donatore (in questo caso si parla di uso autologo) sia essere usato per il trapianto con un familiare (nel caso del trapianto allogenico intra-familiare), che accade nella maggioranza dei casi1.

Falso mito numero 2: “Il trapianto autologo di staminali è inutile perché con questo vengono iniettate le stesse cellule danneggiate o malate”.
Questa affermazione è assolutamente errata e limita l’impiego del trapianto di staminali solo in ambito emato-oncologico, non considerando affatto che le staminali cordonali possono essere utilizzate anche in malattie immunitarie e in medicina rigenerativa2. Infatti, il Ministero della Salute approva la conservazione di staminali cordonali dedicata ad uso autologo nelle famiglie che sono a rischio di avere bambini affetti da anomalie genetiche3.

Falso mito numero 3: “Le staminali derivate dal sangue del cordone possono essere conservate solo per 10-15 anni, poi perdono la vitalità”.
Anche in questo caso l’affermazione è errata. È stato dimostrato scientificamente che dopo 24 anni dal loro prelievo e crio-conservazione le staminali cordonali sono ancora vitali e mantengono perfettamente inalterata la loro capacità di autoreplicazione e differenziazione in cellule diverse con una funzione specifica4,5.

Un’informazione completa e imparziale sull’importanza delle cellule staminali del cordone ombelicale e sulla loro conservazione può aiutare le famiglie a prendere una decisione consapevole, affinché questo patrimonio biologico non venga sprecato.

Ad oggi, purtroppo, il 95% dei cordoni ombelicali viene gettato al momento della nascita, vanificando la possibilità di conservare questo prezioso strumento terapeutico che, come riconosciuto dal Ministero della Salute, ad oggi è in grado di trattare oltre 80 patologie3.

Per ulteriori approfondimenti: www.sorgente.com

Fonti:

1. EBMT – European Group for Bone and Marrow Transplantation
2. Francese, R. and P. Fiorina, Immunological and regenerative properties of cord blood stem cells. Clin Immunol. 136(3): p. 309-22.
3. Decreto ministeriale 18 novembre 2009
4. Broxmeyer HE: Cord blood hematopoietic stem cell transplantation In StemBook Community TSCR, Ed., May 26,2010
5. Broxmeyer, H. E., M. R. Lee, et al. “Hematopoietic stem/progenitor cells, generation of induced pluripotent stem cells, and isolation of endothelial progenitors from 21- to 23.5-year cryopreserved cord blood.” Blood 117(18): 4773-7.