Home / Pianeta mamma / Dolce attesa / Lenti a contatto in gravidanza: si può?
Lenti a contatto in gravidanza

Lenti a contatto in gravidanza: si può?

Lenti a contatto in gravidanza: si può?

Domanda secca: è possibile utilizzare le lenti a contatto in gravidanza? Risposta altrettanto secca: assolutamente sì! Ne a livello medico ne a livello oculistico esistono controindicazioni o rischi diretti e conclamati. È però altrettanto vero che la gravidanza porta con se dei cambiamenti che riguardano anche la vista ma che non sono legati alle lenti.

In particolare durante in 9 mesi prima della nascita del piccolo (o della bambina) la cornea dell’occhio femminile tende ad assumere una forma leggermente diversa con una curvatura accentuata rispetto alla posizione assunta nella sede normale; tale posizionamento può portare a lievissimi fastidi (ma solo in pochissimi casi) che non devono assolutamente preoccupare e che possono essere tranquillamente condivisi con il proprio oculista di fiducia che consiglierà, solo laddove ce ne fosse bisogno, la soluzione migliore.

Anche al fine di ridurre la possibilità di incorrere in questi fastidiosi disturbi, tanto più nel periodo della gravidanza, è bene scegliere per se le lenti giuste, magari provando le nuove soluzioni morbide, ovvero quelle meglio in grado di assecondare le mutazioni della sede corneale. Se siete invece abituate alle lenti rigide allora potreste provare le nuove lenti a contatto gas-permeabili; la loro peculiarità sta nel fatto di saper garantire una maggiore traspirazione all’occhio, limitando in questo modo fastidi ed irritazioni (qui trovi alcuni esempi).

Detto ciò, a prescindere dal discorso lenti o non lenti, può essere utile capire quanto e come la gravidanza può influire sulla qualità della nostra vista in un momento così convulso, non fosse altro che da un punto di vista ormonale, come la gravidanza.

Anche in questo caso c’è una abbondante serie di leggende metropolitane che andrebbero sfatate; ad esempio non è affatto vero che in gravidanza o comunque durante l’allattamento aumenti la miopia, e qualsiasi oculista laureatosi dopo gli anni 50 potrà confermarvelo. Può invece capitare, ma non è una sintomatologia molto diffusa, di vedere leggermente sfocato; in tal caso quasi sicuramente il problema non è da addebitare al funzionamento dell’occhio o alle lenti tout court, quanto invece ad una possibile carenza di ferro.

Se invece si ha la sensazione di vedere scintille, anche ad occhi chiusi, allora potrebbe esserci qualche problema alla retina, magari di natura pressoria; in questi casi è bene rivolgersi quanto prima ad un oculista o in prima istanza anche al proprio ginecologo.

Ora la domanda è: cosa si può fare per mantenere il nostro occhio in salute durante la gravidanza? La tentazione potrebbe essere quella di coccolare la nostra vista con integratori e colliri; a livello generale l’indicazione in questi casi è quella di introdurre quanti meno agenti estranei, preferendo piuttosto integrare la propria dieta con ferro e vitamine, i migliori alleati di un occhio sano ed in salute.

Writer: Elena Ridolfi