Home / La gravidanza a 360 gradi / Dalla 5a alla 8a settimana di gravidanza / L’importanza degli ormoni dalla 5a all’ 8a settimana

L’importanza degli ormoni dalla 5a all’ 8a settimana

L’importanza degli ormoni dalla 5a all’ 8a settimana

Gli ormoni sono i messaggeri chimici che regolano molti aspetti della gravidanza. Il progesterone, è l’ormone prodotto per primo dalle ovaie e dalla placenta.

Il progesterone ha la funzione di:
mantenere la muscolatura uterina liscia e rilassata in modo da permettere un buon attecchimento della gravidanza.
lavorare in sinergia con gli estrogeni per stimolare le pareti dell’utero ad aumentare il loro sviluppo.
aiutare la formazione della placenta e concorrere alla nutrizione del tuo bambino
– rallentare le attività dell’intestino in modo da assorbire più sostanze nutritive.

La placenta produce altri due ormoni importanti: la Beta HCGGonadotropina Corionica Umana e il Lattogeno placentare (HPL).

La Beta HCG è un ormone fondamentale per lo sviluppo e il buon proseguimento della gravidanza.

Esso stimola infatti il corpo luteo, (che è la modificazione del follicolo dopo l’ovulazione) a produrre grandi quantità di progesterone.

È la presenza di quest’ormone a determinare la positività del test di gravidanza.

L’HPL (ormone lattogeno placentare) viene prodotto dal sinciziotrofoblasto e immesso quasi esclusivamente nella circolazione materna. Dimostrabile nel siero e nelle urine della gestante a partire dalla sesta settimana, aumenta progressivamente durante la gravidanza e decade rapidamente dopo il parto. L’emivita dell’HPL nel circolo materno è variabile da 10 a 30 minuti; è quindi un importante indice per la valutazione della funzionalità placentare. Brusche diminuzioni dell’HPL sono associate a minaccia di aborto e sofferenza fetale. Livelli aumentati si possono riscontrare nel caso di diabete mellito, eritroblastosi, gravidanze gemellari.