Home / La gravidanza, il parto e il tuo neonato / Sport e attività fisica: approccio con cautela

Sport e attività fisica: approccio con cautela

Sport e attività fisica: approccio con cautela

E’ giusto svolgere qualche forma di esercizio fisico durante la gravidanza. Dopo il primo trimestre, tuttavia, evitare quegli esercizi che poggiano sulla schiena per un lungo periodo di tempo. Il peso del bambino può causare problemi alla circolazione sanguigna.

Anche l’immobilità per un lungo periodo di tempo può comportare delle difficiltà al sistema circolatorio.

Non appena sai di essere incinta, presta particolare attenzione alle attività che comportano un elevato rischio di caduta: ginnastica, equitazione, sci d’acqua o in discesa, tennis hanno una maggiore probabilità di procurare lesioni. Si raccomanda cautela quando si praticano sport come il calcio e la pallacanestro. Questi sport comportano il rischio di caduta o la collisione con un’altra persona.

Anche l’attività subacquea e le attività ad alta quota possono rappresentare un problema. Evitare quindi immersioni durante la gravidanza, perché l’aria di decompressione pone un rischio potenziale per il feto. L’attività fisica come ad esempio escursioni ad altitudini superiori a 6.000 metri sul livello del mare, se non hai avuto la possibilità di acclimatazione, potrebbe mettere a repentaglio la tua salute e quella del tuo bambino.