Home / La gravidanza, il parto e il tuo neonato / Utilizzo di bevande contenenti caffeina

Utilizzo di bevande contenenti caffeina

Utilizzo di bevande contenenti caffeina

Gli studi indicano che una moderata assunzione – 200 milligrammi (mg) o meno un giorno, una o due tazze di caffè – non produce effetti negativi sulle donne incinte e sui loro bambini.

Tuttavia, lo stesso non vale quando si assume una elevata quantità di caffeina – 500 mg o più al giorno, o cinque o più tazze di caffè in quanto essa, alla nascita, può causare una diminuzione del peso del bambino e della circonferenza della testa. Un basso peso alla nascita può rendere difficile per il bambino mantenere un corpo sano.

Il caffè è la più comune fonte di caffeina. Il tè, bevande gassate, cacao e cioccolato contengono anche caffeina. Per ridurre la quantità di caffeina che si consuma in un giorno, si consiglia di passare a bevande decaffeinizzate o miscelate con acqua calda. Si può abbreviare anche il tempo di infusione. Ad esempio, una bustina di tè per un solo minuto al posto di alcuni minuti è in grado di ridurre a metà il contenuto di caffeina.

Sebbene le tisane possono sembrare una alternativa sicura durante la gravidanza, è opportuno evitarle. Poco si sa circa le erbe e dei loro effetti sulla gravidanza.

In alcuni casi, possono fare danni. L’erba comfrey, per esempio, può causare gravi malattie epatiche. Per ulteriori informazioni su prodotti di erboristeria, vedere i succesivi capitoli.