Home / Pianeta bambino / La sua nuova alimentazione / La carne: un alimento fondamentale

La carne: un alimento fondamentale

La carne: un alimento fondamentale

La carne ha lo scopo di arricchire la dieta del piccolo in quanto contiene molte sostanze nutritive importanti per il suo sviluppo.

La carne è la fonte principale delle proteine le quali si trovano anche nel pesce, nelle uova, nel latte e i suoi derivati.

Le proteine sono essenziali per lo sviluppo delle cellule, per le mucose e per i muscoli. Nel primo anno di vita del bambino il fabbisogno di proteine è alquanto elevato perchè esse sono indispensabili per la sua crescita. Oltre alle proteine la carne contiene il ferro, le vitamine e i sali minerali quali zinco, rame, potassio, selenio e sodio. All’inizio è preferibile proporre al bebè la carne bianca liofilizzata e omogeneizzata, come tacchino, pollo e agnello aggiungendola alla sua pappa per poi passare, in modo graduale, alle qualità rosse meno digeribili.

Le carni bianche sono più digeribili e quindi più adatte all’inizio dello svezzamento, quando l’apparato digerente del piccolo è ancora in via di sviluppo. Le carni rosse sono quelle bovine, equine e ovine e sono meno digeribili poichè più ricche di grassi. La carne bianca contiene una minima quantità in più di proteine e, per questo motivo, è più indicata per la crescita del bambino. Le carni rosse contengono, invece, una maggiore quantità di ferro.

Dal sesto mese, sempre secondo le indicazioni del pediatra, il piccolo può iniziare a mangiare carne. E’ bene cominciare con quella magra come tacchino, pollo, vitello, coniglio e agnello. All’inizio è preferibile consumare la carne sotto forma di liofilizzati.

Al settimo mese si può offrire la carne sotto forma di omogeneizzati: il vasetto va scaldato a bagnomaria e aggiunto ala pappa iniziando con il cucchiaino. E’ possibile anche introdurre carne fresca, cotta al vapore e poi frullata.

A 8 mesi si possono assumere le carni rosse le quali sono più saporite ma, come già detto, più difficili da digerire: manzo, cavallo, prosciutto cotto.
Sempre verso gli otto mesi si può aumentare la dose di omogeneizzati fino ad 80 grammi, o di carne fresca, fino a 40 grammi al giorno.