Home / La gravidanza a 360 gradi / Dalla 5a alla 8a settimana di gravidanza / La produzione di ormoni al 2° mese di gravidanza

La produzione di ormoni al 2° mese di gravidanza

Produzione di ormoni al 2° mese di gravidanza

La produzione di ormoni continua ad aumentare durante questo mese. Tale aumento da luogo ad alcuni segni e sintomi spiacevoli come nausea e vomito, dolore al seno, mal di testa, vertigini, aumento della minzione, insonnia e sogni vividi. Nausea e vomito possono essere i segnali più significativi correlati al tuo nuovo stato.

Gli scienziati non sono abbastanza sicuri del motivo per cui i cambiamenti ormonali causano nausea e vomito. L’alto livello di ormoni gioca certamente un ruolo importante sui cambiamenti prodotti nel sistema gastrointestinale. L’aumento di progesterone rallenta il ritmo con cui il cibo passa attraverso l’apparato digerente. Pertanto, lo stomaco si svuota un po ‘più lentamente, il che può provocare più facilmente la comparsa di nausea e vomito.

Nausea e vomito interessano fino al 70% delle donne incinte. Questi problemi di disagio in genere iniziano tra la quarta e l’ottava settimana di gravidanza. Di solito regrediscono dopo 14 settimane. Anche se è comunemente chiamata malattia della mattina, si può verificare in qualsiasi momento della giornata.

Per alcune donne, nausea e vomito in gravidanza inizialmente sono accompagnate da salivazione eccessiva: una condizione rara chiamata ptialismo. Essa è caratterizzata da un aumento della secrezione di saliva; insorge nel primo trimestre e tende a scomparire con il progredire della gravidanza. Raramente determina un disturbo, ma se accade i sintomi sono correlati: scialorrea, perdita di liquidi e scompensi idroelettrolitici.