Categoria: Il puerperio

Il puerperio

Il post partum è un periodo molto impegnativo. La neo mamma si troverà ad affrontare problemi fisici e pratici: dall’allattamento che non si avvia alla stanchezza per il parto, dalle normali insicurezze ai dubbi sull’accudimento bebè. Dopo il parto, inoltre, l’organismo subisce una serie molteplice di modificazioni necessarie per ritrovare l’equilibrio precedente alla gravidanza: ciò provoca dei disturbi che non debbono creare preoccupazioni.

A parte il seno, che proprio in questo periodo si prepara a svolgere le sue funzioni, tutti gli organi e gli apparati del corpo iniziano a percorrere in senso inverso e in tempo più rapido i cambiamenti attivati durante la gravidanza.

Il puerperio è il periodo che segue immediatamente il parto, durante il quale il corpo della madre si riprende e si adatta alla nuova fase postpartum. Questo periodo dura in genere dalle 6 alle 8 settimane dopo il parto e può essere suddiviso in tre fasi: immediatamente dopo il parto, le prime due settimane e le settimane successive.

Nella fase immediatamente dopo il parto, il corpo della madre subisce un’importante trasformazione mentre l’utero si contrae e ritorna alla sua dimensione normale. La mamma può avvertire delle crampi addominali e perdere del sangue, che è il lochiazione, la fuoriuscita della placenta e delle membrane uterine. Inoltre, la mamma potrebbe sentirsi molto stanca e avere difficoltà a riposare a causa dei bisogni del neonato.

Nelle prime due settimane dopo il parto, la mamma potrebbe continuare a perdere sangue e avere bisogno di riposo e cure adeguate per recuperare la forza e la salute. Potrebbe anche avere bisogno di supporto emotivo mentre si adatta alla nuova vita con il suo bambino. Durante questo periodo, la madre dovrebbe evitare sforzi fisici intensi e fare attenzione alla propria alimentazione per garantire una buona salute sia per sé stessa che per il neonato.

Nelle settimane successive, la mamma può cominciare a sentirsi più energica e adattarsi alla sua nuova vita con il bambino. Potrebbe anche iniziare a pianificare la propria routine quotidiana, incluso il ritorno al lavoro o alla vita sociale. Durante questo periodo, la mamma potrebbe anche affrontare sfide come l’allattamento al seno o la gestione della propria salute mentale.

In generale, il puerperio può essere un momento difficile e stressante per le mamme, ma può anche essere un periodo di grande gioia e soddisfazione mentre si adattano alla nuova vita con il loro bambino. È importante che le mamme ricevano il sostegno e la cura adeguata durante questo periodo, inclusi esami medici regolari e supporto emotivo, per garantire una ripresa sana e una transizione adeguata alla nuova fase della vita.

Durante il puerperio, la mamma potrebbe anche affrontare cambiamenti emotivi e psicologici. Molte donne sperimentano una sorta di tristezza postpartum o baby blues, che è un disturbo dell’umore comune e temporaneo caratterizzato da tristezza, irritabilità, ansia e difficoltà di concentrazione. Tuttavia, se questi sintomi persistono o si aggravano, potrebbe essere il segno di una depressione postpartum più grave e la mamma dovrebbe cercare il supporto di un professionista.

Inoltre, la mamma potrebbe anche affrontare cambiamenti nella sua vita sessuale durante il puerperio. Dopo il parto, il corpo della madre ha bisogno di tempo per guarire e riprendersi, il che potrebbe significare che la vita sessuale potrebbe non essere la stessa di prima. Inoltre, il bisogno costante di cura del neonato potrebbe influire sulla disponibilità della mamma per l’intimità sessuale. È importante che la coppia comunichi apertamente e comprensivamente sulle loro esigenze e preoccupazioni in modo che possano trovare modi per mantenere una relazione intima e soddisfacente.

Durante il puerperio, la mamma dovrebbe anche iniziare a prendersi cura della sua salute a lungo termine. Ciò potrebbe includere l’adeguamento della propria dieta per fornire i nutrienti necessari per l’allattamento e il recupero postpartum, l’inizio di un esercizio leggero per ripristinare la forza e la flessibilità e l’attenzione alla propria salute mentale. La mamma dovrebbe anche iniziare a pianificare il proprio controllo postpartum per garantire una buona salute a lungo termine.

In sintesi, il puerperio è un periodo critico nella vita di una mamma che richiede cura e attenzione adeguata. Mentre il corpo si riprende e si adatta alla nuova fase postpartum, la mamma potrebbe affrontare sfide fisiche ed emotive. È importante che la mamma riceva il sostegno adeguato, incluso l’accesso a esami medici regolari e il supporto emotivo, per garantire una ripresa sana e una transizione adeguata alla nuova fase della vita.

Di seguito si forniscono suggerimenti e consigli sull’argomento trattato.


Episiotomia o ferita da taglio

Episiotomia o ferita da taglio

Episiotomia o ferita da taglio Nel periodo successivo al parto, la mamma può provare dei dolori o disturbi derivanti dai punti di sutura posti nel perineo (la parte tra la vagina e l’ano) quando è stata praticata l’episiotomia (il taglio eseguito al momento del parto per favorire la nascita del bambino) o a seguito di… Continua a leggere



Lochiazioni

Lochiazioni

Le lochiazioni Le lochiazioni sono delle perdite di sangue unite a residui della gravidanza che si verificano durante il puerperio (il periodo di circa sei settimane dopo il parto necessario all’apparato genitale femminile per riprendere la sua funzionalità). La loro funzione è quella di ripulire l’utero e di eliminare i frammenti di placenta. All’inizio sono… Continua a leggere



Depressione post partum

Depressione post partum

La depressione post partum La depressione post partum, che colpisce il 70% delle neo mamme pari a una mamma su tre, si presenta di solito in forma lieve e nella maggior parte dei casi si risolve da sola entro poco tempo dal suo manifestarsi, senza bisogno di essere curata. Non si tratta di depressione vera… Continua a leggere



Come evitare la stitichezza

Come evitare la stitichezza

Come evitare la stitichezza Modificare la dieta e le abitudini di vita è spesso il modo più efficace per curare la stitichezza. Il modo più efficace per curare la stitichezza e bere molti liquidi, assumere alimenti ricchi di fibre (frutta, verdura), svolgere attività fisica sono rimedi che in molti casi aiutano a ripristinare la regolarità… Continua a leggere



Le emorroidi

Le emorroidi

Le emorroidi Le emorroidi consistono nella dilatazione delle vene nella zona dell’ano e del retto: tale dilatazione, quando ci si siede comporta fastidio, bruciore, prurito e dolore. Le emorroidi possono comparire già durante la gravidanza a causa del peso del bambino oppure direttamente dopo il parto, a seguito della tensione esercitata dalla testina del bimbo… Continua a leggere



Aumento di peso in gravidanza 13a settimana

Aumento di peso

Aumento di peso L’aumento di peso in gravidanza non dovrebbe superare i 9-12 kg: se tale peso viene superato per la neo mamma sarà seriamente difficoltoso smaltire i chili di troppo. Nel periodo in cui la mamma allatta non è consigliabile seguire una dieta ipocalorica perchè il bimbo ha bisogno, per crescere, di maggiori calorie… Continua a leggere



Caduta dei capelli

Caduta dei capelli

Caduta dei capelli La caduta dei capelli è un sintomo tipico del periodo puerperale in quanto è normale che dopo il parto, diminuendo gli ormoni, si verifichi una caduta dei capelli. Non bisogna preoccuparsi anche se i capelli cadono a ciocche perchè, nella maggior parte dei casi, essi ricrescono. E’ consigliabile una buona alimentazione ricca… Continua a leggere



Incontinenza urinaria da sforzo

Incontinenza urinaria da sforzo

Incontinenza urinaria da sforzo L’incontinenza urinaria da sforzo colpisce il 30% 60% delle donne in dolce attesa e il 20% 40% delle donne nel primo anno dopo il parto. Nella maggior parte dei casi, l’incontinenza urinaria si risolve da sola al termine della gravidanza ma, spesso, può rimanere dopo il parto. Essa dipende dalla perdita… Continua a leggere



I morsi uterini

I morsi uterini

I morsi uterini I morsi uterini avvengono subito dopo la nascita del bambino quando l’utero comincia a contrarsi e si riduce fino a tornare alle dimensioni precedenti alla gravidanza: il processo dura all’incirca sei settimane ed aumenta in coincidenza dell’allattamento perchè durante l’allattamento continua la secrezione di ossitocina, un ormome che aumenta le contrazioni uterine…. Continua a leggere