Categoria: Parto no problem

Parto no problem

Un tempo si partoriva a casa con l’aiuto della levatrice e assistite dalle donne anziane di famiglia.

Il parto era un avvenimento naturale che veniva affrontato a volte con consapevolezza, a volte con rassegnazione e che, nella maggior parte dei casi , si risolveva senza troppi problemi. La gravidanza e il parto erano considerati eventi naturali, la medicina non se ne occupava e il ginecologo non esisteva. Ciò permetteva alle neo mamme di considerare la nascita di un figlio come integrante della quotidianità, ma quando sorgevano delle complicanze, la situazione era spesso drammatica e talvolta mortale sia per la mamma che per il bimbo.

Oggi il parto avviene negli ospedali con una migliore assistenza in caso di complicanze e con una attenzione maggiore anche alle esigenze psicologiche delle donne.

Comunque il parto sia nei tempi passati che in quelli attuali rappresenta un evento unico e straordinario, una storia magica che ogni mamma non si stanca mai di raccontare.
Il modo ideale per affrontare il parto è quello di non opporsi agli eventi ma lasciarli accadere: così tutto diventa più semplice. Anche di fronte a eventuali imprevisti è bene saperli accettare con serenità, rammentando che anche se un travaglio non è andato secondo i nostri desideri può divenire una esperienza meravigliosa.

Il parto è uno dei momenti più importanti e intensi nella vita di una donna, ma può anche essere un momento di grande paura e ansia. Tuttavia, con la giusta preparazione e attenzione, il parto può essere un’esperienza positiva e gratificante.

Ecco alcuni consigli utili per aiutarti a superare la paura del parto:

  1. Preparati mentalmente: la preparazione mentale è essenziale per superare la paura del parto. Leggi libri, segui corsi preparto e parla con altre mamme che hanno già avuto esperienze di parto positive. Questo ti aiuterà a comprendere meglio il processo del parto e ad affrontarlo con maggiore sicurezza e serenità.
  2. Trova un sostegno emotivo: durante il parto, è importante avere una figura di sostegno emotivo accanto a te. Può essere il tuo partner, un amico o un familiare. Questa persona ti aiuterà a mantenere la calma e ad affrontare la situazione con maggiore forza.
  3. Conosci le opzioni disponibili: parla con il tuo medico o il tuo ostetrico per conoscere le opzioni disponibili durante il parto, come il parto naturale, il parto con l’epidurale, il parto in acqua, ecc. Conoscere queste opzioni ti aiuterà a prendere decisioni informate e a sentirti più a tuo agio durante il parto.
  4. Mantieniti attiva e sana: fare esercizio fisico regolare e mangiare cibi sani ti aiuterà a mantenere il tuo corpo e la tua mente in salute e pronti per il parto.
  5. Respira e rilassati: durante il parto, concentrati sulla tua respirazione e cerca di rilassare i tuoi muscoli. Questo può aiutare ad alleviare il dolore e ad aumentare la tua sensazione di controllo.
  6. Affronta le tue paure: se hai paure specifiche riguardo al parto, parla con il tuo medico o un consulente per affrontarle e superarle. Il supporto psicologico può aiutarti ad affrontare le tue paure e ad avere un’esperienza di parto più positiva.
  7. Crea un piano di nascita: un piano di nascita è un documento scritto che descrive le tue preferenze per il parto, come la posizione del parto, le opzioni di analgesia, le preferenze per l’assistenza del neonato, ecc. Questo ti aiuterà a comunicare con il personale medico e a sentirsi più a tuo agio con il processo del parto.
  8. Fai pratica con le tecniche di rilassamento: ci sono molte tecniche di rilassamento che puoi utilizzare durante il parto per ridurre lo stress e il dolore, come la meditazione, lo yoga, la visualizzazione e l’ipnosi. Fai pratica con queste tecniche durante la gravidanza per essere pronta per il parto.
  9. Parla con altre mamme: parla con altre mamme che hanno già avuto esperienze di parto positive per ricevere consigli e sostegno. Ci sono anche gruppi di supporto online e offline che puoi unirti per connetterti con altre mamme in modo simile.
  10. Pensa positivo: concentrandoti sui lati positivi del parto e sulla gioia di avere un bambino, puoi ridurre la paura e l’ansia. Riconosci anche che il parto può essere imprevedibile, ma che sei in buone mani con il tuo team medico.
  11. Considera la presenza di un doula: una doula è una figura di supporto che fornisce assistenza emotiva e fisica durante il parto. Molte donne trovano che avere una doula accanto a loro durante il parto può essere di grande aiuto per affrontare la situazione in modo più tranquillo e sereno.

In sintesi, il parto può essere un’esperienza positiva e gratificante se ti prepari mentalmente, hai un sostegno emotivo, conosci le opzioni disponibili, ti mantieni attiva e sana, ti concentri sulla respirazione e affronti le tue paure. Non lasciare che la paura del parto ti impedisca di goderti questo momento straordinario della tua vita.

Con la giusta preparazione, puoi avere un’esperienza di parto positiva e gratificante, che ti ricorderai per tutta la vita.

Le pagine seguenti forniranno notizie interessanti sulla materia trattata.


Secondamento: la terza fase del parto

Secondamento: la terza fase del parto

Secondamento: la terza fase del parto La fase conclusiva è quella del secondamento. Il secondamento consiste nella eliminazione, attraverso la vagina, della placenta, del cordone ombelicale e delle membrane che formano il sacco amniotico pochè oramai essi hanno esaurito la loro funzione: infatti, pochi minuti dopo la nascita, l’utero comincia di nuovo a contrarsi al… Continua a leggere



Espulzione: la seconda fase del parto

Espulzione: la seconda fase del parto

Espulzione: la seconda fase del parto La dilatazione è la prima fase del parto. Durante la dilatazione il collo dell’utero si allarga gradualmente fino a raggiungere un’apertura di 10 cm che permette l’uscita del bambino. Ad ogni contrazione l’utero si indurisce per poi rilassarsi nei momenti successivi. Verso la fine le contrazioni forti, lunghe e… Continua a leggere



Travaglio

Travaglio

Il Travaglio Il travaglio è riconoscibile da uno di questi tre avvertimenti: – la perdita del tappo mucoso. – le contrazioni uterine. – la rottura delle acque. Il tappo mucoso è una sostanza biancastra, densa, striata di rosa o di rosso: è il muco che fino a quel momento chiudeva il collo dell’utero isolando la… Continua a leggere



La data presunta

La data presunta

La data presunta del parto La data dell’ultima mestruazione è una indicazione fondamentale per definire il periodo della gestazione. Grazie a questa informazione il ginecologo calcola la “data presunta” del parto. Infatti, a partire dal giorno di inizio dell’ultimo ciclo vanno calcolate 40 settimane. Si tratta, comunque, di una data indicativa perchè nessun medico può… Continua a leggere



Prepararsi insieme alla nascita del bambino: i corsi preparto di coppia

Prepararsi insieme alla nascita del bambino: i corsi preparto di coppia

Prepararsi insieme alla nascita del bambino: i corsi preparto di coppia Quando nasce un bambino (in particolare il primogenito) insieme a lui nascono anche una nuova mamma e un nuovo papà. Imparare a gestire e proteggere insieme la nuova vita che hanno creato: ecco il primo compito di una donna e un uomo che diventano… Continua a leggere



Il papà in sala parto

Il papà in sala parto

Il papà in sala parto Nel reparto di maternità dell’ospedale è prevista la presenza, in sala parto, di una persona amica accanto a chi sta per partorire. Solitamente si tratta del futuro papà: egli non sarà presente solo per partecipare affettuosamente e tenere la mano della partoriente ma anche per sostenerla negli esercizi di respirazione,… Continua a leggere



Epidurale

Epidurale

Epidurale un rimedio per ridurre ed alleggerire la sofferenza delle contrazioni L’epidurale è una tecnica che serve per alleviare i dolori delle contrazioni lasciando però inalterate tutte le altre sensibilità della partoriente: infatti la donna non solo può muoversi ma ha lo stimolo a spingere e quindi a partecipare in maniera attiva al travaglio. Le… Continua a leggere



Il parto podalico

Il parto podalico

Il parto podalico Il parto podalico si ha quando il bambino presenta per primi i piedi o il sederino. Il parto podalico  si verifica all’incirca nel 5% di parti allorchè vi sono delle anomalie dell’utero come per esempio fibroma, placenta posizionata in basso, gravidanza gemellare o nascita pretermine. Il parto podalico può anche svolgersi per… Continua a leggere



Neo mamme: i consigli per un parto migliore

Neo mamme: i consigli per un parto migliore

Consigli utili per le neo mamme Non c’è nessuno più adatto a fornire consigli alle neo mamme da parte delle mamme che hanno già avuto questa esperienza: i sottoelencati suggerimenti provengono da mamme che li hanno già collaudati: – bere una tazza di tè a base di foglie di lampone a partire dalla 34ima settimana… Continua a leggere



Il taglio cesareo: quando è necessario

Il taglio cesareo: quando è necessario

Il taglio cesareo: quando è necessario Attraverso il taglio cesareo, una incisione chirurgica tra utero e addome, nasce il bambino. Il taglio cesareo è consigliato quando il feto è troppo grosso o quando la mamma ha un bacino eccessivamente stretto rispetto al peso del bebè. Il taglio cesareo è indicato inoltre – se durante il… Continua a leggere